.

Ruffino

Nel 1877 due cugini, Ilario e Leopoldo Ruffino, realizzarono il loro comune sogno di creare grandi vini fondando una piccola cantina a Pontassieve, un borgo alle porte di Firenze. La regione poteva già vantare una tradizione plurisecolare di vini eccellenti e rigogliosi vigneti.

La fama circa la qualità dei vini Ruffino crebbe rapidamente e con essa la salute della cantina. 
I cugini perfezionarono le loro abilità e ben presto Ruffino divenne nota per i suoi vini puliti ed equilibrati, creati secondo il motto “qui si producono vini ideali”.

La reputazione di Ruffino si affermò definitivamente sia a livello nazionale che internazionale attraverso i numerosi premi vinti dal Chianti Ruffino alla fine dell’Ottocento: medaglia d’oro all’Esposizione di Milano del 1881, premio alla qualità all’Esposizione di Nizza del 1884 e ancora medaglia d’oro all’Esposizione di Anversa del 1885.

Nel 1890, intrigato dal crescente prestigio di Ruffino, il Duca d’Aosta decise di recarsi personalmente in Toscana per assaggiare quei vini di cui aveva così tanto sentito parlare. Fu così impressionato dalla qualità dei vini da nominare Ruffino fornitore ufficiale della corte reale dell’allora Regno d’Italia. Nel 1927 Ruffino decise di rendere omaggio al grande onore ricevuto creando la prima annata di Riserva Ducale, dedicata appunto all’illustre ammiratore che tanto aveva apprezzato i suoi vini.

La reputazione di Ruffino continuò a crescere e con essa si svilupparono le prime esportazioni, fino ad attraversare l’Oceano Atlantico e diventare il primo Chianti a venire importato negli Stati Uniti.

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, Ruffino diede avvio a un progetto di acquisizione di vigneti e tenute nelle più vocate aree del Chianti e della Toscana. La prima tenuta ad essere acquisita fu il Castello di Montemasso, nel Chianti Classico. 


Ruffino continuò ad investire fino a raggiungere le attuali dimensioni. Ruffino conta infatti su circa 450 ettari di vigneto in 6 tenute situate in aree di grande prestigio qualitativo all’interno delle denominazioni Chianti, Chianti Classico e Brunello di Montalcino.

Oggi, a più di 135 anni dalla sua fondazione e oltre 85 dalla prima annata di Riserva Ducale, Ruffino continua ad esprimere attraverso ogni bottiglia prodotta la storia e la tradizione della Toscana.

Deliziose note di tabacco e spezie accompagnano invitanti aromi di ciliegia, fragola e prugna. Questo vino è corposo, ricco in tannini raffinati e setosi. Il finale piacevolmente lungo è accarezzato da note di vaniglia e bacca rossa. La struttura di Modus promette un lungo invecchiamento.

Questo iconico vino Ruffino è stato uno dei più acclamati fin dalla sua nascita, il 1927. Riserva Ducale è ottenuto attraverso le più evolute tecniche di vinificazione che ne esaltano uno spirito profondamente tradizionale. E’ universalmente riconosciuto come un punto di riferimento dell’intera categoria Chianti Classico Riserva. 

Venti anni dopo la nascita di Riserva Ducale avvenuta nel 1927, Ruffino creò nel 1947 un’edizione speciale di Riserva Ducale per commemorare una grande vendemmia e per mostrare l’eccezionale longevità del suo Chianti Classico. Riserva Ducale Oro da allora viene prodotto solo nelle migliori annate.