.

Mandois

Jean Mandois nasce ad Epernay nel 1760 ed è il primo vignaiolo della famiglia: nel 1905 Victor Mandois si trasferisce a Pierry, villaggio classificato 1er cru, dove inizia a produrre un proprio champagne. La maison è ora affidata a Claude Mandois che gestisce i 40 ettari della proprietà, di cui 13 classificati premier cru e vitati nella maggior parte a chardonnay. La maison produce circa 500.000 bottiglie e negli ultimi anni, sulla spinta del suo patron, sta perseguendo l'obiettivo della qualità, sia attraverso una selezione delle uve, ma soprattutto con la permanenza sui lieviti di almeno 30 mesi per il brut sans-année. Ogni cuvée, elaborata secondo la tradizione "champenoise" riflette un suo stile proprio che ben si adatta agli champagne "da garde". Una chicca è rappresentata dal Brut Zero, uno champagne pas dosé per i veri amanti delle bollicine "non dosate" dove l'assemblage tra il pinot nero e lo chardonnay è equilibratissimo. Una Maison che pur nel rispetto della tradizione è sempre al passo con i tempi con vini fini e poco dosati vera espressione della Champagne.

Il Mandois Blanc de Blancs (100% Chardonnay) è una miscela di diversi terroir in cui lo Chardonnay si trova particolarmente a suo agio. Perfettamente rappresentativo della vendemmia, è solo leggermente addolcito per consentire al carattere naturale dello Chardonnay di svilupparsi fino in fondo

Il palato rotondo e ricco rivela note pepate e frutta candita che attestano l'eccellente equilibrio della vendemmia e lo rendono adatto a un'ampia varietà di piatti. Lo champagne perfetto con il cibo.