.

Ruinart

Ruinart è la più antica Maison di Champagne. Il monaco benedettino Dom Thierry Ruinart (1657-1709, l’epoca di Luigi XIV), originario della regione della Champagne fu infatti il primo ad essere convinto che il “vin de bulles” fosse destinato a un grande futuro e, sulla base di questa convinzione, convinse il nipote Nicolas a fondare la Maison nel 1729. Nel 1768 Ruinart acquistò delle antiche cave di gesso di epoca gallo-romana, scavate sotto la città di Reims fino a 38 metri di profondità, per conservare le bottiglie. Classificate come patrimonio dell’Unesco dal luglio 2015, queste cave offrono una stabilità termica costante, una totale assenza di vibrazioni e un tasso d’umidità perfetto, condizioni ideali per la fermentazione e la maturazione dei vini. Il vitigno Chardonnay è l’anima della Maison Ruinart, il filo conduttore di tutti gli assemblaggi; grazie a una grande freschezza aromatica, è vivace, puro, luminoso. Le sue uve, provenienti soprattutto dalla Côte des Blancs e dalla Montagne de Reims, sono il fulcro di tutte le Cuvée Ruinart.

Qualche tocco floreale e speziato, completato da aromi saporiti di brioche e biscotto, aggiungono un gradevole supplemento di complessità.

Ottimo per l’aperitivo, può essere servito anche con un piatto principale come la sogliola alla mugnaia. 

Assemblaggio di uve provenienti soprattutto dai vitigni Chardonnay (40%) e Pinot Noir (57%) completati da un tocco di Meunier (3%)

Eleganza e lunghezza caratterizzano il palato, in cui si ritrovano la freschezza degli agrumi e dei frutti esotici e una splendida mineralità su aromi di pietra focaia.

L’insieme presenta una grande purezza e una superba lunghezza. La piacevole freschezza del Dom Ruinart ne fa un magnifico Champagne da aperitivo.

Il colore è oro pallido luminosissimo, con riflessi verdi. Il perlage è fine, leggero e persistente. Un Blanc de Blancs eccezionale, puro, incisivo e preciso.

L’attacco è morbido, polposo; il finale è freschissimo, con note di pesca bianca e cedro.

A tavola, accompagna a meraviglia gli scampi o una tartare d’orata all’olio d’oliva e limone

È caratterizzato da un sublime color oro rosato con sfumature corallo, e da un perlage fine e persistente. Equilibrato e dotato di un’ottima freschezza, esprime una grande eleganza.

Ruinart Rosé, fine, morbido e delicato con note intense di frutti rossi e spezie dolci, rivela una punta di menta al finale.