.

La Rasina

La Rasina nasce negli anni settanta fondata da Santi Mantengoli ma solo alla fine degli anni ottanta con l'opera del figlio Vasco viene indirizzata verso l'attività vitivinicola. Nel 1997 Marco Mantengoli, giovane enologo, ne acquisisce la gestione affiancando alle nuove idee ed alla moderna tecnologia l'esperienza decennale del padre. L'estensione è di 45 ettari di cui 12 a vigneto e 3 a oliveto, mentre il restante a seminativo. L'azienda si trova sul versante nord-est di Montalcino ed i suoi vigneti hanno un'età compresa tra i 3 ed i 30 anni tutti allevati a cordone basso speronato. Quattro i vini rossi prodotti a partire dal rosso di Montalcino al quale vengono affiancati due Brunelli, uno di annata e una riserva, il Davasco prodotto solo nelle grandi annate. Il Toscana Igt, dalle uve delle vigne giovani, completa la gamma con un olio extravergine d'oliva e due diverse grappe. Una vera azienda agricola, in conversione biologica da quasi tre anni e gestita con passione che ben rappresenta la vitivinicoltura di Montalcino.

Il Brunello di Montalcino nasce da una attenta selezione di uve di Sangiovese. Ogni fase della lavorazione, dal vigneto alla cantina, segue le norme del disciplinare del Consorzio dei Produttori.

La volontà aziendale è quella di ottenere un vino che si presenti al cliente con tutta la fragranza e la freschezza che il Sangiovese prodotto a Montalcino può sprigionare.

IGT Toscana Sangiovese nasce dalla lavorazione delle uve dei vigneti più giovani. Vino facile ed eclettico risulta carico di sensazioni che riportano alla gioventù del Sangiovese.