.

Active filters

Questa varietà, portata in Friuli dal Conte francese Teodoro De La Tour nel 1869 è diventata presto il vino rosso più popolare della regione. Se infatti, nelle antiche osterie friulane chiedendo un bianco si riceve un friulano, ordinando un rosso è d'obbligo il Merlot.

Intreccio olfattivo fine e fruttato con note di ciliegia, mora e lampone e delicati richiami d’erbe officinali e un finale dai toni legnosi… sorso fresco, leggermente tannico

L'uva del Refosco non è molto tannica ma il clima freddo dei nostri vigneti necessita una macerazione molto delicata per evitare estrazioni verdi e ottenere più eleganza.Botti grandi di rovere (Francese e Slavonia) forniscono la giusta evoluzione mantenendo inalterata l'espressione del terreno.